Menu Principale
Pagina iniziale
Commissioni
Consiglio Pastorale
Bollettino Parrocchiale
Pagine Gialle del volontariato
Centro d'ascolto
Contatti
Appuntamenti
Calendario liturgico
Calendario Sala Giovanni Paolo II
BattesimI
Iscriviti alla Newsletter
Programma Gruppo famiglie
Foto Festa 2014
Informazioni su
Asilo S.Mamante
Catechismo
Gruppo giovani
Gruppo famiglie
Gruppo carcere
Una rete di famiglie per
Corso fidanzati
Gruppo coro
Canti Matrimonio
Cinema
Benedizioni Pasquali

Benedizioni Pasquali PDF 
Carissimi,
si presenta ancora una volta questa bella opportunità di incontrarci, anche se solo per qualche
momento, passando di casa in casa. È per noi sacerdoti un momento di particolare grazia, che ci allieta e ci
dà la possibilità di un incontro veramente personale con ognuno di voi, che permette di conoscerci meglio
e di condividere le nostre gioie, speranze, sofferenze e fatiche, invocando poi dal Signore la sua
Benedizione.
Ci guida la forte convinzione che l’annuncio del Vangelo di Gesù è importantissimo, perché è solo
attraverso l’incontro con la sua “persona”, “Lui, il Risorto”, che possiamo trovare pace e gioia vera.
Ringraziando Dio abbiamo ancora l’aiuto di altri ministri oltre a me, che ci aiuteranno in modo da
riuscire a venire in ogni casa: don Matteo Monterumisi, don Stefano Gaetti, gli accoliti: Tommaso
Caprara e Roberto Zirondelli, il lettore Francesco Nardi che pure potranno essere inviati, quando si
renderà necessario.
Ogni giorno nella Santa Messa ricorderemo, in modo particolare le famiglie visitate nella
giornata; vi invitiamo ad unirvi, possibilmente partecipando anche voi.
Gli orari saranno i seguenti:
AL MATTINO dalle ore 9,00 alle 12,00
AL POMERIGGIO dalle ore 15,00 in avanti.
Rimane inteso che chi avesse seri motivi per chiedere un cambiamento di orario e/o di giorno può
telefonare al numero 051/851154 (possibilmente in orari serali) per concordare un appuntamento. È
gradito se questo tipo di comunicazione venisse dato qualche giorno prima di quello previsto da
calendario.
Don Marcello, don Matteo e don Stefano